Pagine

martedì 20 marzo 2012

Ricordi.

Sembrerò ridicolo, ma ci sono delle cose che voglio raccontarti. Non sempre ho avuto il coraggio di dirti la verità, mi sono nascosto dietro delle bugie per evitare di apparire stupido, o altre volte per nascondere parti di me un po' troppo "oscure" per mostrartele.

Voglio raccontarti di quando ci siamo conosciuti, di come mi sono sentito quando i nostri sguardi si sono incrociati, le nostre anime quasi sfiorate. Sapevo che qualcosa in quell'istante era cambiato, ma non avrei mai immaginato la grandezza della ferita che avrebbe lasciato su questo cuore.

Voglio raccontarti dei momenti passati insieme, di quando il tempo trascorreva così velocemente che non avevamo il tempo di sentire la distanza che eravamo già accanto. Di quando le risate coprivano dolori che non avrei sopportato. Oppure di quella volta in cui mi nascosi dietro una maschera solo per nascondere dei sentimenti.

Devo raccontarti delle notti passate in un balcone tra il fumo di una sigaretta e un SMS a sperare, sperare in qualcosa di più, per noi. Tra una nuvola di fumo e un'altra mi chiedevo perché per troppo tempo ci siamo nascosti.

Raccontarti del dolore che ho provato, ma non puoi capire. Ci siamo per troppo tempo nascosti dietro a delle bugie, ma fa ancora male per parlarne. Sempre di più, ormai il tempo non sembra lenire più il dolore. 

lunedì 19 marzo 2012

Piccole speranze.

Buongiorno. Questa mattina mi sono svegliato prestissimo (07:50), sono rimasto a poltrire nel letto fino alle 10:30. Ho pensato a tante cose, tantissime cose. Sono rimasto per troppo tempo intrappolato nelle mie paranoie, ora è il momento esatto per liberarmene e finalmente andare avanti.

Ho visto per troppo tempo le persone a cui tengo di più andare avanti con la propria vita, creare progetti per il futuro mentre io rimanevo soltanto una spettatore. La mia parte è sempre stata quella di occuparmi dei sogni degli altri, di condividerli con loro, ma ad un certo punto dovevo fermarmi e pensare a me. Devo creare un mio sogno e cercare di realizzarlo, farlo per me e per stare meglio. Devo fissarmi degli obbietti e soprattutto rispettarli.

Devo assolutamente ringraziare tutte le persone che mi sono state vicino e che continuano a farlo. Senza di loro in questo istante non starei scrivendo queste parole, ma ora è arrivato il momento che inizi a cavarmela da solo.

Consapevole del fatto che questa sensazione di libertà/felicità/indipendenza durerà poco provo a godermela.

Ciao.